Condividi sui tuoi social

La Pasqua è una delle festività dell’anno più carica di simboli e di significati, ed è sempre stata celebrata, ancor prima che diventasse una festività cristiana. Inizialmente era una festa di primavera dedicata al ritorno della Dea della primavera; non a caso in inglese si dice “Easter”, che deriva dal termine “Ostara” e ci ricorda la Dea Eostre, ma assomiglia anche al termine “Ishtar”, la Dea assiro-babilonese.

Nei primi secoli la Pasqua veniva officiata ogni domeni­ca, poi in seguito una volta all’anno al plenilunio dei mesi di marzo o aprile, in coincidenza con la festa che ricordava l’esodo degli ebrei dall’Egitto e quindi la salvezza dalla “schiavitù”; e nel sesto secolo fu stabilita la data mo­bile della Pasqua che deve cadere la domenica successiva alla prima luna piena dopo l’equinozio di primavera.

È sempre stata celebrata con rituali in onore della natura e del passaggio dall’inverno, inteso come morte, alla primavera, intesa come vita. Celebra la vita che rinasce, la luce che sconfigge anche il buio più profondo e illumina il cammino.
Quel seme di luce che è nato in noi durante il solstizio d’inverno, se l’abbiamo accudito e protetto, a partire dall’equinozio di primavera ha iniziato a rinascere, germogliando ed uscendo alla luce del sole, ossia abbiamo iniziato a lasciar andare ciò che è stato per risorgere a nuova vita ed accogliere il nuovo. Questa è in sostanza la Pasqua: morte e resurrezione, il trionfo della luce sul buio.

Un tempo la domenica di Resurrezione era chiamata anche Pasqua d’Uovo perché la si festeggiava donando e mangiando uova sode colorate che erano state benedette; e spesso si regalavano uova di vari materiali pregiati, anche d’oro o d’argento, abbellite di gemme e perle, e decorate con scritte e simboli pasquali.
E in molte cattedrali il giovedì santo si deponeva un uovo di struzzo nel sepolcro rituale insieme con l’Eucaristia, e lo si ritirava il giorno di Pasqua cantando “Surrexit Dominus vere: alleluia!” (Il Signore è risorto davvero: alleluia!).

Ossia l’uovo è considerato il simbolo del Cristo risorto, ma è anche simbolo della resurrezione come un sepolcro dove stia riposando un principio di vita che un giorno sboccerà alla luce.
Ma l’uovo è un archetipo cosmogonico ricorrente nei più diversi miti delle civiltà antiche ed è considerato sacro in tutte le società mitiche. Ha un forte significato simbolico: tutto è contenuto nell’uovo, esso è un universo compiuto; e come in primavera la natura si risveglia in tutte le sue forme, così l’uovo è l’inizio di ogni vita.

Quindi auguro a tutti di “uscire dal guscio” e rinascere a nuova vita!
Buona Pasqua, Francesca Zangrandi

Isciviti alla newsletter

Ricevi aggiornamenti

Altri post

notizie

Primo quarto lunare in Scorpione

Domani si perfezionerà il primo quarto lunare, che si verifica quando la Luna forma una quadratura con il Sole. Da una parte la Luna in