Condividi sui tuoi social

{:it}Oggi è luna piena in Vergine, seconda Superluna dell’anno e per di più la più vicina alla Terra delle tre Superlune di quest’anno.

Il Sole è appena entrato nel segno dei Pesci, quindi l’ultima interazione polare della stagione invernale è l’asse Vergine-Pesci. Il segno dei Pesci rappresenta l’infinito, è imprevedibile, sfuggente ed estatico, mentre il segno della Vergine rappresenta i dettagli, è scrupoloso, analitico e focalizzato. Quindi questi due segni mettono in mostra le divisioni, anche in noi, ma allo scopo di riunificarci interiormente e trovare un equilibrio tra concretezza e spiritualità.

Il segno della Vergine è governato da Mercurio, che si trova nella zona d’ombra (preparatoria) della retrogradazione, congiunto a Nettuno nel segno dei Pesci.
Gli aspetti tra questi due pianeti indicano i rapporti tra due forze complementari sul piano dell’intelligenza, ossia la percezione intellettiva e l’intuizione intellettiva. E quando Mercurio e Nettuno sono congiunti, l’intuizione è al servizio dell’intelligenza e questa viene permeata dalla volontà di metamorfosi.

In Astrosofia i pianeti sono stati associati ai principali chakra:; Mercurio è associato al primo chakra e Nettuno al settimo.
Questi due chakra sono gli unici (nel sistema dei sette chakra principali) che non hanno contemporaneamente direzione frontale e dorsale, ma sono congiunti da un’unica linea eterica che unisce la sommità del capo con la zona genitale, attraversando tutti gli altri chakra.

Giusto a metà di questa linea eterica, si trova il quarto chakra, il chakra del cuore, la sede dell’energia divina della corona e dell’impulso vitale proprio della zona genitale, il luogo che unisce le forze provenienti da sopra e da sotto, dall’interno e dall’esterno; è quindi il luogo dove materiale e spirituale si incontrano.
Questo chakra è considerato la porta d’accesso dell’anima e qui ha origine ogni forma d’amore. Quindi apriamoci all’alchimia dell’amore e permettiamo all’amore di aprire il nostro cuore; entriamo nel cuore e chiediamogli cosa manca nella nostra vita per avvicinarci alla versione migliore di noi stessi.

Ci sono due correnti energetiche che attraversano i chakra, una discendente e l’altra ascendente: la prima è manifestante e la seconda è liberatoria, ossia ci fa uscire dai limiti del piano manifesto per raggiungere stati dell’essere più espansivi.
La corrente liberatoria è quella che si sottolinea più spesso perché si crede porti a una liberazione personale, ma anche la corrente discendente è importante, in quanto è quella che ci permette di manifestarci e di mettere a frutto le idee dandogli una forma tangibile.

Quindi facciamo dialogare la mente con il cuore e affidiamoci al sentire più che alla ragione; colleghiamoci con il nostro intuito e lasciamo che l’energia si condensi sempre più, manifestando concretamente la nostra verità (dopotutto la Vergine è un segno di Terra).
Buona luna piena, Francesca Zangrandi

Isciviti alla newsletter

Ricevi aggiornamenti

Altri post

notizie

Primo quarto lunare in Scorpione

Domani si perfezionerà il primo quarto lunare, che si verifica quando la Luna forma una quadratura con il Sole. Da una parte la Luna in