Close

13 Dicembre 2020

Luna nuova in Sagittario ed eclissi solare

Eccoci giunti alla retta finale di questo destrutturante 2020, e domani ci accompagnerà l’ultima luna nuova dell’anno, che sarà nel segno del Sagittario: non solo il Sole e la Luna si troveranno entrambi nel segno, ma anche Mercurio e il Nodo Sud, quindi l’energia sagittariana sarà molto presente.
Il Sagittario è l’ultimo segno dell’elemento Fuoco, ma il suo fuoco non è quello impetuoso dell’Ariete, interessato alla conquista, e non è nemmeno il fuoco radioso e forte del Leone, intento alla magnificenza dell’io; nel fuoco del Sagittario prevalgono l’iniziativa dell’Ariete e il coraggio del Leone, ma è un fuoco meno materiale e più spirituale, che porta all’illuminazione.

Infatti, il Sagittario è il segno che ci conduce al lato spirituale della vita; ci esorta ad essere onesti e veritieri riguardo il nostro scopo nella vita, e ci sfida ad agire di conseguenza. 
La figura mitologica che lo rappresenta è il centauro, metà uomo e metà cavallo, raffigurato nell’atto di lanciare una freccia verso il cielo: quella freccia è puntata verso l’alto, verso un punto lontano, verso un obiettivo, denotando il desiderio di evoluzione che è in ciascuno di noi e l’ambizione che ci indirizza sempre verso nuove mete; ma mentre la parte umana si dirige verso un obiettivo, la parte animalesca rimane ben radicata a terra, mantenendo un legame con il mondo materiale (che è la parte essenziale dell’esperienza umana) e ricordandoci che istinto e ragione possono trovare un equilibrio.

Inoltre, questa luna nuova sarà accompagnata da un’eclissi solare. Le eclissi ci parlano di nuovi inizi, di ingressi in nuove energie e vibrazioni, ma in realtà questa ci parlerà di uscita e sarà un grande addio. Infatti, amplificherà l’energia trasformativa che abbiamo sperimentato durante tutto l’anno e ci spingerà a chiudere con tutto ciò che è rimasto in sospeso, in modo da farci arrivare al nuovo anno più leggeri e con una vibrazione nuova.
In particolare, questo novilunio con eclissi ci parla di uscita da credenze limitanti, da forme pensiero ormai superate, da modelli ripetitivi di comportamento, quindi è un momento ideale per liberarci delle credenze logore e inutili, delle emozioni tossiche, e per trovare il coraggio di lasciarci il passato alle spalle una volta per tutte.

Inizia un periodo proficuo per fare un inventario della nostra vita, in preparazione di nuovi traguardi e obiettivi per il prossimo anno: cosa cerchiamo veramente e in tutta onestà nella nostra vita? Siamo a un bivio: dobbiamo decidere se fare quello che abbiamo sempre fatto o considerare la possibilità di fare le cose diversamente. E ricordiamoci che le cose che una volta pensavamo impossibili, in realtà possono diventare reali; e se siamo abbastanza coraggiosi da darci una possibilità, l’universo ci donerà una grandiosa ricompensa!

E poi Giove, governatore del Sagittario, è il pianeta dell’espansione: quali schemi mentali vogliamo espandere e quali invece hanno bisogno di essere cambiati perché non si espandano ulteriormente?
A chi stiamo dando autorità? Su chi stiamo riponendo la nostra fiducia? Perché cadranno le immagini idealizzate che abbiamo degli altri, ci renderemo conto che non corrispondono alle idee che ci siamo fatti di loro. Infatti, l’asse Sagittario-Gemelli non solo ci dà la possibilità di lasciar andare quelle credenze che pensavamo verità assolute e che in qualche modo ci stanno limitando, ma ci allontana anche dalla verità dettata dai guru o da tutti coloro che abbiamo idealizzato, per avvicinarci sempre più al nostro maestro interiore e alla nostra propria verità.

Inoltre, il Sagittario ci parla di libertà di essere noi stessi, di sentirci meritevoli di questa libertà, di essere padroni del nostro cammino e della nostra vita. Ciò che sappiamo non dev’essere qualcosa che abbiamo letto, sentito o visto, ma qualcosa che abbiamo sperimentato e che abbiamo visto funzionare per noi, è la nostra verità.
Questa eclissi ci aiuterà a liberarci di tutte quelle “verità” (credenze) che in realtà non lo sono, ma che formano parte dell’ego sagittariano: identificazioni create dalla mente concettuale che ci limitano e separano da noi stessi, dalla nostra identità e dagli altri. E via via comprenderemo che siamo tutti maestri, che tutti abbiamo qualcosa da insegnare e che nessuno ha la verità assoluta, ma ognuno di noi scopre la propria verità camminando la vita.

Buona luna nuova, Francesca Zangrandi