Close

12 Marzo 2021

Luna nuova in Pesci 2021

Domani inizierà un nuovo ciclo lunare e questa lunazione cade nella fase dell’inizio della primavera, quando la forza inutilizzata, accumulata in profondità, erompe all’esterno; quando in natura si intravedono già le prime gemme, la possibilità di rinascita. Infatti, la Luna sarà nel segno dei Pesci, l’ultimo dello zodiaco, quello che si trova nel varco tra l’inverno e la primavera, tra gli ultimi aliti gelidi e i primi raggi caldi del sole; quindi rappresenta sia l’inizio che la fine, la realtà e la visione, spirito e materia.

Non solo la Luna e il Sole si troveranno in questo segno, ma anche Venere e Nettuno, quindi l’elemento Acqua sarà molto presente, e questo elemento è caratterizzato dalla mutevolezza e dalla capacità di sciogliere qualsiasi barriera e divisione. È l’ultimo elemento in termini di successione e rappresenta il nostro lato più sensibile, il lato emotivo, che è anche quello che più ci permette di crescere ed evolvere.
E questa grande presenza dell’elemento Acqua ci dona un po’ di leggerezza: dopo la grande presenza dell’elemento Aria nei mesi scorsi (che ancora rimane perché Mercurio, Giove e Saturno si trovano in Acquario), finalmente distogliamo un po’ l’attenzione dalla mente e ci concentriamo di più sul sentire. Questo comporta meno pensieri e più connessione.

Infatti, la mente dell’Acquario è molto rapida, ma ci distoglie dal corpo e dal sentire. Il segno dei Pesci ci immerge nell’inconscio e ci mette in connessione con la nostra anima; ci spinge ad aprirci all’immaginazione, ai sogni, all’intuizione, alla divinità, all’infinito, alle emozioni. E il sentire e il sentirci ci permettono di imparare a fidarci della nostra voce interna.
Non a caso, la Madre Clan di questo ciclo lunare è Valuta la Verità, la guardiana della giustizia, colei che ci insegna la legge divina e come accettare la verità: se ci guardiamo con occhio distaccato, accettando ciò che vediamo, la verità delle nostre forze e delle nostre debolezze distruggerà le illusioni che limitano il nostro potenziale.

Quindi questa luna nuova è pronta a guidarci all’interno, nelle nostre profondità, alla ricerca del nostro potenziale ma anche della connessione con il divino. Infatti, il segno dei Pesci rappresenta la nostra vocazione personale al divino: abbiamo imparato tutte le sfumature dell’individualità, percorso tutte le fasi dell’esperienza, ed ora siamo pronti a tornare alla nostra dimensione più spirituale, passando dal “sono” al “siamo”, dissolvendoci nell’intero universo, dove tutto è uno.
Questa luna ci riporta alle origini, a chi siamo veramente nel nostro profondo; l’Acqua rivela dentro di noi tutto il mondo del sentire e ci chiede di avere fede. La parola “fede” deriva dal greco “pìstis” e si riferisce a colui che ha fiducia, che confida, che si affida, quindi potremmo dire che questa lunazione ci chiede di abbandonarci fiduciosi al nostro sentire e di fluire nel moto ondoso della vita.

Nettuno è il pianeta che governa il segno dei Pesci, dove si trova ora: è il pianeta dell’amore incondizionato, ci ricorda che non ci sono confini, tutto è uno, e ci insegna che per avanzare dobbiamo lasciare il controllo e fluire con la corrente, con la vita. Nettuno è ora congiunto a Venere, pianeta dell’amore fisico, quindi insieme ci invitano a riportare l’attenzione al nostro cuore.
Il chakra del cuore si trova proprio a metà nel sistema dei sette chakra principali, unisce le forze provenienti da sopra e da sotto, dall’interno e dall’esterno; qui materiale e spirituale si incontrano, e rappresenta la porta d’accesso dell’anima, dove ha origine ogni forma d’amore. Quindi connettiamoci al nostro cuore, espandiamolo e lasciamo che l’amore fluisca da noi al tutto e dal tutto a noi, riconnettendoci alla nostra vera essenza, che è l’amore stesso.

Buona luna nuova, Francesca Zangrandi