Equinozio autunnale e Sole in Bilancia

Condividi sui tuoi social

Oggi in tutto il mondo si celebra l’equinozio, ossia le ore di luce e di oscurità sono in equilibrio, ma nell’emisfero Sud celebrano l’equinozio di primavera, mentre nell’emisfero Nord celebriamo l’equinozio d’autunno. Pertanto, nell’emisfero Sud si celebra il punto di equilibrio prima che la luce si espanda sempre più e dia il via alla stagione luminosa dell’anno; mentre nell’emisfero Nord celebriamo il punto di equilibrio prima che l’oscurità prenda il sopravvento, e la prima delle Festività del semestre oscuro.

Il solstizio autunnale viene celebrato alla fine del periodo più faticoso dell’anno in cui viene effettuato il secondo raccolto, quando il ciclo produttivo e riproduttivo è concluso, e astronomicamente dà inizio all’autunno.
Nelle varie tradizioni lo troviamo con diversi nomi, come ad esempio Mabon, Alban Elfed, Secondo Raccolto, giorno del ringraziamento delle Streghe, ma per tutti si tratta della porta da cui comincia la vera e propria discesa nel calderone: dopo un momento di equilibrio, la luce del giorno diminuisce sempre più e le attività dovrebbero ridursi o farsi molto interiori, comincia il nostro viaggio verso l’interno per riordinare, ripulire e fare spazio per una nuova gestazione.

Nei Misteri Eleusini l’equinozio d’autunno era il momento della discesa di Persefone nell’Ade, della separazione tra madre e figlia e del dolore di Demetra; mentre per i Celti era il momento in cui Mabon, il Dio della giovinezza, scendeva negli inferi per tornare ad essere seme nel grembo della Dea Madre (Modron).
Quindi è un invito a tornare alla terra, al grembo della Madre, come del resto sta facendo la natura stessa: i colori iridescenti delle foglie stanno cambiando, Madre Terra si veste di rosso, arancio e giallo, ricordandoci lo scorrere inevitabile del tempo. Le foglie si trasformano e si offrono alla terra; la terra inizierà a profumare di bagnato e il rumore dei passi che pestano le foglie morte diventerà scoppiettante. Da questa terra umida nascerà la fertilità dei sottoboschi primaverili, dei prossimi germogli e dei futuri fiori e frutti.

Madre Natura ora ci offre i suoi raccolti e guarda con orgoglio ciò che ne è nato, ma un po’ alla volta si avvia verso il riposo: chiuderà gli occhi e farà orecchie da mercante alle turbolenze del mondo; la notte arriverà sempre prima, invitandoci ad entrare nel nostro interiore, a lasciar andare le foglie (che corrispondono alle catene che ci tengono imprigionati al passato) ed entrare nel profondo di noi stessi per connetterci al nostro seme di luce, il quale ci permetterà di poter rinascere a nuova vita la prossima primavera.
Potremmo considerare l’equinozio autunnale una festa iniziatica, rivolta alla ricerca di un nuovo livello di consapevolezza: è tempo di passare dall’espansione esterna all’espansione interna, entrando nel tempo del buio per riflettere sui misteri della trasformazione. Quindi è anche tempo di bilanci: abbiamo sotto gli occhi ciò che abbiamo seminato durante l’anno, e possiamo constatare quali frutti abbiamo raccolto.

Sole in Bilancia

E in effetti, è proprio l’entrata del Sole nel segno della Bilancia che segna l’inizio della nuova stagione. Le focose passioni estive sono alle spalle, le foglie ingialliscono e iniziano a cadere, la natura si ferma ed è tempo di bilanci e di scelte: il raccolto è stato fatto, è stato conservato ed ora è il momento di ripartirlo equamente, così come, in base ai risultati, si sceglie se aumentare o diminuire le quantità per la semina del prossimo anno.
Nello Zodiaco la Bilancia è il primo segno a confrontarsi con la dimensione degli altri e con l’arrivo dell’oscurità, quindi, da una parte ci dà l’opportunità di lavorare sulle relazioni (di coppia, familiari, di amicizia, lavorative, di collaborazione). È governata da Venere, quindi armonia è la parola chiave, e per la Bilancia significa realizzare rapporti improntati sull’equità e sulla giustizia.

Infatti, tra i vari insegnamenti che ci dona la Bilancia, il più profondo è la costante ricerca di equilibrio: forse è il segno che più di tutti coglie il senso di dualità che governa la nostra dimensione e ci ricorda che ogni cosa la definiamo in base al suo opposto, che la identifica e la contiene, e che proprio per questo motivo entrambi gli estremi sono importanti, anzi indispensabili, per creare equilibrio. Quindi ci invita a trovare una via di mezzo tra le polarità, insegnandoci che è proprio dal loro bilanciamento che possiamo sperimentare la centratura e l’equilibrio.

Quali oli essenziali possono aiutarci in questa stagione? Per esempio, il Mirto che è una pianta legata alla bellezza e fu consacrato a Venere perché la dea, dopo esser nata dalle acque del mare di Cipro, si era rifugiata in un bosco di mirto. Oppure il Rosmarino che dà sostegno nei momenti di transizione e cambiamento, aiutandoci a cambiare prospettiva se necessario. O il Geranio che aiuta a sentire l’equilibrio interno e a connettere con l’armonia interiore; oltre che ad aprire il cuore per far sì che l’amore possa fluire liberamente. O ancora la sinergia Highest Potencial, che aiuta a connettere con la propria volontà e a liberare il proprio potenziale. (Se hai bisogno di consulenza sugli oli essenziali più adatti per te o se vorresti comprarli ma non sai da dove partire per scegliere quelli di ottima qualità, puoi contattarmi!)

In questo momento di equilibrio, fermiamoci per apprezzare i frutti dei nostri raccolti, ringraziamo Madre Terra per quanto ricevuto ed onoriamo la sua abbondanza chiedendole cosa possiamo fare per renderle quanto ci ha donato. E poi lasciamo andare e prepariamoci per il viaggio dentro noi stessi, lasciando andare ciò che ci appesantisce e facendo spazio per il nuovo; lasciando andare ciò che non ci serve più, ciò che pensiamo di essere, e preparandoci a sperimentare una piccola morte per poter finalmente essere ciò che siamo destinati a diventare.
Il seme si abbandonerà al ventre di Madre Terra, dove non vi è luce; ma sappiamo che la terra, come tutte le madri, accoglie e custodisce, e quindi in primavera il seme potrà germogliare.

Felice equinozio, Francesca Zangrandi

PS. Lasio tre video: nel primo parlo un po’ del segno della Bilancia, dove si trova il Sole e dove avverrà il novilunio dei prossimi giorni, mentre nei due seguenti propongo delle pratiche (la prima adatta per questi giorni di equilibrio, la seconda adatta per i giorni a seguire, in cui ci tufferemo nella stagione oscura).

Isciviti alla newsletter

Ricevi aggiornamenti

Altri post

notizie

Primo quarto lunare in Capricorno

La Luna sta transitando nel segno del Sagittario, ma domani notte si perfezionerà il primo quarto lunare nel segno del Capricorno.Da una parte la Luna