Luna piena in Scorpione ed eclissi lunare totale

Condividi sui tuoi social

Domani mattina, poco dopo il sorgere del Sole, la Luna raggiungerà la sua massima espansione nello Scorpione, il segno dell’inconscio, dell’occulto, di tutto ciò che è tabù ed esoterico; e nei giorni dominati dallo Scorpione viviamo energie molto forti dettate dalla capacità di trasformazione continua di questo segno, il quale ci aiuta ad affrontare le novità e i cambiamenti.

Inoltre, la Luna si troverà al perigeo, il punto più vicino alla Terra, quindi la sua influenza la sentiamo particolarmente; sarà anche il giorno in cui si celebra il Wesak, e per di più questo plenilunio sarà accompagnato da un’eclissi lunare totale.

Il tempo delle eclissi è uno spazio di grandi movimenti e profondo potere, dove si creano cambiamenti visibili, dove si manifesta ciò che richiede cambiamenti, spostamenti e azioni concrete. In un certo senso è come se ci trovassimo abbandonati a noi stessi, senza luce esterna, e dovessimo quindi affidarci alla nostra luce, alle nostre risorse interne per poter avanzare; per questo motivo le eclissi ci permettono di fare un salto evolutivo.

In questo plenilunio la Terra si troverà tra il Sole e la Luna, oscurando quest’ultima: da una parte è come se ci dicesse di non continuare a guardare dove stiamo guardando, di non continuare ad afferrarci a ciò che è stato e lasciar andare ciò che già non è; dall’altra parte è come se la parte emozionale e inconscia perdesse po’ di forza e il Sole invece potenziasse. Il Sole rappresenta la nostra essenza, ed è vitale all’ora di comprendere il nostro proposito nella vita; quindi, è come se l’IO potesse esprimersi più liberamente, anche se la parte inconscia può creare resistenza e pertanto creare sofferenza.

Inoltre, la Luna è in congiunzione con il Nodo Sud e il Sole con il Nodo Nord, oltre che con altri pianeti ed asteroidi (Urano, Eros ed Hekate in Toro e Mercurio in Gemelli).

L’asse dei nodi lunari è collegata all’anima ed alla sua evoluzione: mentre il Nodo Sud rappresenta da dove veniamo, ossia la memoria karmica, ciò che conosciamo bene e ci appartiene, il Nodo Nord rappresenta dove stiamo andando, ossia la direzione che ci permetterà di evolvere grazie alle sue sfide e ai suoi insegnamenti. Quindi è come se ci venisse chiesto di smettere di guardare il passato, di rimanere ancorati a ciò che già è stato, e di guardare avanti, verso la direzione che dobbiamo prendere per essere veramente noi stessi e lasciar esprimere la nostra essenza.

I due luminari sono anche in quadratura con Saturno in Acquario, il quale è in congiunzione con l’asteroide Vesta.

Saturno governa il segno del Capricorno, è il pianeta del karma, associato al passato, alla famiglia e agli antenati, quindi potremmo trovarci a lavorare su questioni legate al lignaggio familiare o su aspetti personali che abbiamo ereditato, o ancora su abitudini profondamente radicate nella nostra anima e nella memoria karmica; ma è anche il pianeta delle responsabilità, ci parla di struttura, di conservatorismo. Ed è unito a Vesta, colei che ci collega al nostro fuoco interiore e che lo mantiene acceso affinché i nostri desideri e le nostre ambizioni non vengano distrutti.

Cambiare le strutture che in qualche modo intrappolano il nostro fuoco interiore; lasciar andare le credenze limitanti, le paure, i pensieri, i programmi che ci influenzano, soprattutto a livello inconscio, per poter allinearci sempre più alla nostra essenza.

Per uscire dalla T quadrata occorre andare in direzione opposta, nella direzione del Leone, segno che ci parla di identità e unicità, che vuole che ci sentiamo legittimati ad essere noi stessi, che ci esprimiamo liberamente e che condividiamo noi stessi con il mondo. Contattando il nostro bambino interiore e ritrovando la capacità di godere, possiamo creare la vita che è completamente in linea con la nostra essenza più vera.

Ci sarebbe molto altro da dire su questo momento energetico se prendessimo in considerazione tutti i pianeti e tutti gli aspetti, ma credo che quanto detto sia sufficiente per renderci conto che è il momento di affidarci allo Scorpione, il segno che ci parla di morte e rinascita e ci invita alla trasmutazione. Lo Scorpione non teme l’oscurità, le sue energie vanno verso il buio e il profondo, e ci porta giù per affrontare le nostre emozioni più profonde (segno d’Acqua) e poter così chiudere con tutto ciò che non è stato completamente elaborato e che in qualche modo ancora influenza la nostra vita e le nostre scelte.

Solo così possiamo andare leggeri verso la verità più autentica! Francesca Zangrandi

Isciviti alla newsletter

Ricevi aggiornamenti

Altri post

notizie

Primo quarto lunare in Scorpione

Domani si perfezionerà il primo quarto lunare, che si verifica quando la Luna forma una quadratura con il Sole. Da una parte la Luna in