Tag: Maria Maddalena

29 Lug

Canalizzazione Maria Maddalena

“La strada è lì, proprio davanti ai vostri occhi. Potete non vederla, ma è già ben delineata per il sommo bene vostro e di tutta l’umanità.
Solo dovete fidarvi. Non è facile, lo so, perché non sapete cosa vi aspetta, ma se vi affidate all’amore sapete che nulla potrà farvi soffrire.

La scelta c’è comunque, anche nella non-scelta. Chiedetevi se è ciò che volete rimanere nella situazione in cui siete o se è più forte l’impulso a un cambiamento. E se decidete di rimanere nel conosciuto, siete sicuri che tutto rimarrà uguale?
Tutto cambia: voi cambiate, gli altri cambiano, le situazioni cambiano…

Cos’è che volete fare? Cosa siete venuti a fare? Connettetevi con la vostra voce autentica: cosa vuole dire? Cosa vuole esprimere?
Lasciate che vi racconti qual è il suo proposito, il suo contratto d’anima. E poi andate fiduciosi in quella direzione, sapendo che quando si ha finalmente il coraggio di procedere sul cammino sacro della propria anima, tutto l’universo e tutti gli esseri di luce vanno a sostenere e supportare, affinché la manifestazione avvenga e sia piena, abbondante e magica.

Aprite il cuore, entrateci dentro, respirate nel cuore ed ascoltatelo: vi dirà qual è il cammino. Non dubitate, lui sa, conosce tutte le risposte, anche ciò che la ragione non comprende.
Il cammino della luce è aperto a tutti, sta a voi scegliere se percorrerlo o no.
Maria Maddalena”

Canalizzazione di Francesca Zangrandi

21 Lug

22 luglio, festa di Maria Maddalena

Domani, 22 luglio, sarà il giorno santo in cui si celebra Maria Maddalena.
Questa celebrazione esisteva già nel messale romano come memoria obbligatoria, ma tre anni fa Papa Francesco la rese solenne elevandola allo stesso grado delle feste che celebrano gli altri apostoli: il 3 giugno 2016 la Congregazione per il Culto Divino ha infatti pubblicato un decreto con il quale, la celebrazione di santa Maria Maddalena venne elevata al grado di festa liturgica; Papa Francesco ha preso questa decisione durante il Giubileo della Misericordia, ha spiegato l’arcivescovo Arthur Roche, “per significare la rilevanza di questa donna che mostrò un grande amore a Cristo e fu da Cristo tanto amata”.

Ciò che per me è interessante è il fatto che tutto questo è un grande indicatore del cambiamento di coscienza che è avvenuto negli ultimi anni e che sta avvenendo rispetto al Divino Femminile, ed è specchio del risveglio e la rinascita del Femminile che è in corso.
E visto che il cielo e le posizioni planetarie rispecchiano il nostro mondo interno, e che quando un nuovo pianeta viene scoperto significa che siamo pronti per integrare nuovi aspetti, come non prendere in considerazione gli studi e le ricerche dell’astrologa Lisa Morpurgo?!

Secondo le sue ricostruzioni zodiacali, accanto ai dodici segni zodiacali devono, “per condizione logica”, trovarsi dodici corpi planetari. Il primo di questi due corpi planetari mancanti venne da essa denominato “X-Proserpina”, il quale, secondo la ricostruzione zodiacale, dovrebbe rappresentare l’opposto e parallelo delle simbologie di Plutone, ossia delle caratteristiche strettamente femminili.
Astrologicamente, X-Proserpina sarebbe considerato come archetipo della Grande Madre e rappresenterebbe l’utero (completando così l’intero apparato genitale femminile, prima rappresentato solo da Venere, relazionata alle ovaie), i capelli e le forme viventi vegetali.

Inizialmente si pensò che il primo pianeta transplutoniano fosse un asteroide che scoprirono e a cui attribuirono il nome Proserpina, poi in realtà nel 2005 scoprirono un altro pianeta al di fuori della fascia zodiacale che venne considerato il pianeta X: il nome Proserpina era già stato utilizzato, quindi lo chiamarono Xena; ma a fine agosto 2006 l’unione degli astronomi ha deciso di declassarlo, insieme a Plutone, a pianeta nano, e gli è stato dato il nome Eris.
Non è curioso il fatto che quando abbiamo preso coscienza dell’esistenza di Eris, simbolo del femminile e dell’utero, proprio Plutone, pianeta da sempre simbolo del maschile, sia stato declassato?! Forse potrebbe indicare l’inizio di un cambio di coscienza rispetto alla relazione maschile-femminile, uomo-donna.

Nella mitologia dell’antica Grecia Eris era la dea della discordia, quindi potrebbe rappresentare il lato in ombra di quel femminile che il patriarcato ha contribuito a separare e che ha così perso gran parte del suo potere e della sua forza; ed ora Eris potrebbe significare che è il momento di guardare queste nostre parti smembrate e tornare ad unirle, per ritornare ad essere un’unità e ritrovare il grande potere della Grande Madre.
Effettivamente, Eris all’inizio degli anni venti è entrato nell’Ariete, segno legato alla nascita e ai nuovi inizi, e proprio nel 1920 in molti paesi le donne hanno ottenuto il diritto al voto.

Tornando alla nostra data del 22 luglio, possiamo dire che segna proprio il passaggio dal segno del Cancro al segno del Leone (precisamente il Sole entrerà nel Leone nella notte tra il 22 e il 23 luglio): il Cancro, segno femminile legato all’Acqua e alla Luna, ci parla di profondità e oscurità, mentre il Leone, segno maschile legato al Fuoco e al Sole, ci parla di esteriorità e luce; ossia il Cancro ci accompagna a vedere nel profondo, a contattare le nostre emozioni, e il Leone mette in evidenza ciò che la ricettività lunare del Cancro ha fatto affiorare, portandolo nella realtà, alla luce del sole.
Non potrebbe quindi voler dire che è ora di portare Maria Maddalena alla luce? Di far chiarezza una volta per tutte sulla sua figura e sulla sua storia?

Dopotutto, c’è un’altra cosa che è interessante notare rispetto il 3 giugno 2016, quando si decretò la celebrazione ufficiale di Maria Maddalena, e riguarda l’asteroide 318, chiamato Magdalene.
I primi asteroidi furono avvistati all’inizio dell’Ottocento e vi furono dati i nomi di grandi Dee dell’antichità classica; ora gli asteroidi scoperti sono quasi 22.000 e vengono considerati sempre più in astrologia perché sono molto specifici nel loro significato simbolico legato agli archetipi.

L’asteroide Magdalene fu scoperto nel settembre del 1891 e in astrologia viene relazionato ad un impegno o compromesso che si prende con un gruppo o a una causa collettiva. Il 3 giugno 2016 si trovava nella casa due sotto il segno del Sagittario con moto retrogrado, ricordandoci quindi che era giunto il momento di dissolvere credenze spirituali decise dalle istituzioni.
Grandi passi avanti sono stati fatti negli ultimi anni, ma ci aspettano ancora grandi cambiamenti per poter arrivare a vivere il nostro divino Femminile in totale libertà e nel pieno della nostra sovranità. Però non dimentichiamoci che la nostra Maestra e amata è qui al nostro fianco per accompagnarci in questo risveglio e rinascita!

Ahava, Francesca Zangrandi

Ps. Domani sera alle ore 19.30 terrò una cerimonia online gratuita per celebrare Maria Maddalena. Se ti interessa partecipare, scrivimi all’indirizzo mail info@quintadimensione.net

16 Lug

Canalizzazione Maria Maddalena

“Figli e figlie, fratelli e sorelle, amati tutti,
sono qui, al vostro fianco, a sostenervi sempre.
Potete non percepirmi, ma non dubitate che sono qui.
Grandi cambiamenti vi aspettano,
già li state vivendo in parte,
ma non temeteli: siete pronti, la Terra è pronta,
l’energia è pronta per un cambio vibrazionale molto importante.
Respirate, rallentate, rimanete nel cuore,
ed ogni cosa andrà al suo posto,
allineandovi così al proposito della vostra anima.
Quanto più vi permettete di stare nel cuore,
tanto più vi sentirete sostenuti e sostenute.
Non temete, siamo qui per voi,
io e tutti gli esseri della spirale della rosa mistica.
Lasciatevi sostenere,
permettetevi di essere abbracciati
e amati incondizionatamente.
Vostra madre e amata, Maria Maddalena”

Canalizzazione di Francesca Zangrandi

16 Lug

Cerimonia Maria Maddalena – ONLINE

Nel 2016 Papa Francesco decise che il 22 luglio è la festa in cui si celebra Maria Maddalena, segnando quindi a parer mio un’apertura verso il riconoscimento del Cristo femminile e l’importanza dell’unione di uomo e donna, maschile e femminile.

Quindi ci prendiamo un piccolo spazio e momento per celebrare la nostra Maestra ed onorare la sua presenza al nostro fianco in questo tempo di grandi cambiamenti.

L’incontro si terrà via Zoom lunedì 22 luglio alle ore 19.30 e durerà circa mezzoretta. Chi si iscrive riceverà la lista di cosa tenere preparato.

L’INCONTRO SARÀ GRATUITO!

Info ed iscrizioni all’indirizzo info@quintadimensione.net

26 Mag

Canalizzazione Maria Maddalena

“Entrate nel cuore, affidatevi a lui, conosce tutte le risposte.

Sa tutto, anche se ciò che ti dice sembra essere incomprensibile per la tua mente, fai un atto di fiducia verso di lui e credigli, fa ciò che ti dice.

Il cuore, liberato dalle catene, è puro amore e agisce con amore, per l’amore, a partire dall’amore.

Respira, e porta il soffio del cuore nel mondo, dona il tuo amore, anche dove ti sembra più difficile, dove ti costa farlo: fa bene a te e fa bene agli altri, all’intera umanità. L’amore può alleggerire tante cose, sanare tante situazioni, aprire tanti altri cuori.

C’è bisogno dell’amore, ora più che mai.

Entra nel cuore e permettiti di espanderlo e di percepire ogni cosa partendo da lì, dal puro amore. Il cuore può tutto, arrivare e penetrare dove la tua mente nemmeno può immaginare. Quindi lascialo agire, sa sempre cosa deve fare e perché.

Aprite il cuore, entrateci, assaporatelo e respirateci dentro, quindi a partire dal suo nucleo, dal più puro amore, espandetevi, amando ed illuminando gli altri e il mondo.

Io sono con voi, Maria Maddalena”

Canalizzazione di Francesca Zangrandi

1 Mag

Maria Maddalena ci parla dell’amore

La settimana scorsa nella newsletter (se non sei iscritto e vuoi farlo, puoi cliccare qui) ho parlato delle cinque fasi che caratterizzano una crisi, approfondendo soprattutto le prime due fasi, in quanto sono strettamente relazionate con il momento che stiamo vivendo: lo scorso 24 aprile Plutone, associato ad Ade, il dio del mondo sotterraneo, è entrato in moto retrogrado e il 30 aprile anche Saturno; per di più i due sono congiunti con il Nodo Sud nel segno del Capricorno, ed ho scoperto che questo non succedeva dall’anno 894… Come a dire che veramente ci troviamo in un momento storico più unico che raro!

 

Quando Plutone è retrogrado, ci spinge ad immergerci senza paura nelle profondità del passato e lasciar andare tutto ciò che è stato, siamo stati e ci è appartenuto, per avvicinarci alla nostra verità più autentica, mentre Saturno retrogrado ci aiuta nell’essere più consapevoli sia delle nostre forze, sia di appartenere al pianeta.

Sia Saturno che Plutone sono pianeti legati al karma: il termine “karma” viene dal sanscrito “karman” che significa “azione, operazione”; nella religione e filosofia indiana indica il frutto delle azioni compiute , ossia ad ogni azione corrisponde un’azione di riflesso. Quindi non necessariamente ha un’accezione negativa (anche se molta gente utilizza questo termine come se si trattasse di un peccato commesso che richiede una punizione divina); piuttosto potremmo dire che il karma è un complesso di situazioni che risponde alla legge di causa-effetto e che quindi ci creiamo noi stessi con il nostro operato.

 

Stiamo tutti vivendo un momento di grandi trasformazioni, probabilmente a momenti ci sentiamo anche mancare la terra sotto i piedi, ma ricordiamoci che facciamo parte di un piano più grande di noi, e che la nostra anima ha scelto di incarnarsi proprio in questo periodo storico per un motivo, quindi non dobbiamo aver paura, ma affidarci e fidarci.

Quanto più cerchiamo di resistere al cambiamento, afferrandoci disperatamente al conosciuto, tanto più sarà doloroso il processo, come se venissimo sradicati brutalmente invece che fluire semplicemente.

 

Come detto nella scorsa newsletter, nelle prime due fasi della crisi l’ego non vuole cambiare, né morire, vuole solamente che le cose tornino ad essere come le conosceva, facendoci quindi resistere con dolore e sofferenza ad ogni cambiamento, facendoci sentire frammentati ed impotenti. E l’ego continua a cercare la chiave per ritornare dove desidera, nel conosciuto (anche se fonte di sofferenza), per di più aspettandosi che tutto cambi facilmente e rapidamente.

Ma sappiamo che non può essere così: questo è il momento di accettare ciò che stiamo vivendo, non è il momento di fare nulla, se non stare ed essere, aprendoci alla possibilità di creare una nuova versione di noi stessi, più autentica e allineata alla nostra anima, senza rimanere ancorati al nostro vecchio IO.

 

Lo scorso gennaio ho canalizzato un messaggio di Maria Maddalena, ma mi è stato suggerito di aspettare a condividerlo, di attendere il momento giusto; ed ora quel momento è arrivato, quindi vi lascio le sue parole:

 

“Amore. Solo l’amore può riempire un cuore vuoto, solo l’amore può alleggerire un cuore appesantito, solo l’amore può guarire un cuore ferito.

L’amore ci salverà.

Non importa quanta sofferenza abbiamo vissuto, quante pene abbiamo sofferto; se entriamo nell’amore aprendo completamente il nostro cuore e inebriandoci dell’amore più puro, esisterà solo il presente, solo l’amore, e tutto ciò che è stato scomparirà, sarà sanato.

L’amore ci nutre, ci riempie, ci dà sostegno. L’amore ci libera, ci dà libertà e leggerezza. L’amore ci dà presenza e concretezza. L’amore è tutto.

Entrate nel cuore, percepite e assaporate l’amore, lasciatevi inebriare dalla sua grandezza e potenza. E se fa male, se c’è ancora del dolore, ricordate che è solo uno spazio vuoto. Respirate, riempite questo spazio vuoto con il respiro divino, con l’amore, e tutte le barriere, tutte le maschere, tutte le protezioni cadranno. Esisterà solo l’amore; e nell’amore incontrerete la pace e la salvezza. Nell’amore incontrerete la Verità. E vivendo nell’amore, con amore, per l’amore e partendo dall’amore, potrete esprimere la vostra Verità più profonda, essere la vostra Verità, senza paure né limitazioni.

Permettete all’amore di espandersi e di riempire i vostri cuori, affinché tutti possiamo vivere il nostro proposito sacro, la nostra Verità; affinché tutti possiamo esprimere la nostra vera essenza.

Così sia, così è!”

 

Ahava, Francesca Zangrandi

17 Apr

Aprire il cuore

Generosa e poderosa,
leggera ma risonante,
accompagni i nostri passi
e sostieni i nostri cuori.
Le tue parole risuonano in me:
“Aprite il cuore, apritevi all’amore,
e lasciate che la vostra luce si espanda nel mondo,
trasformandolo e innalzando la sua vibrazione.
Non abbiate paura,
già non è più tempo di dolore e sofferenza.
L’amore è qui, solo dovete aprirvi ad esso
e viverlo pienamente.
Io e tutti coloro che fanno parte della spirale della rosa mistica
siamo qui per sostenervi e appoggiarvi in questo passaggio.
Lasciate cadere le maschere, le corazze,
i muri protettivi che avete costruito intorno a voi e al vostro cuore,
e lasciate filtrare la luce che brilla dentro di voi,
lasciatela uscire ed illuminate il mondo.”
Grazie Maria Maddalena per accompagnarci.
Francesca Zangrandi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. - Utilizamos cookies propias y de terceros para mejorar nuestros servicios y experiencia de usuario. Si continúas navegando estás aceptando su uso. Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi