Tag: Capricornio

15 Lug

Luna piena ed eclissi lunare parziale in Capricorno

Domani sarà luna piena in Capricorno, accompagnata da un’eclissi lunare parziale in Capricorno.
In questo plenilunio i due segni cardinali del Cancro e del Capricorno sono molto presenti; infatti, nel segno del Cancro si trovano il Sole, Venere e il Nodo lunare Nord, mentre in opposizione, nel segno del Capricorno, si trovano la Luna, Saturno, Plutone e il Nodo lunare Sud.

I segni cardinali sono quelli che si trovano all’inizio delle stagioni, e per tale motivo è loro caratteristica dare il via a qualcosa di nuovo. Il Cancro dà il via alla vita con l’atto creativo per eccellenza, intendendo non solo la creazione di una nuova vita, un figlio, ma di qualsiasi cosa, come un progetto, un’idea, ecc… Quindi potremmo dire che rappresenta il genitore che nutre, che si prende cura del figlio proteggendolo e sostenendolo emotivamente, ossia la madre. Il Capricorno, invece, ha anch’esso una forte matrice genitoriale, ma corrisponde più al genitore che dà le regole, che insegna la disciplina e il senso del dovere, rappresentando quindi il padre.
Pertanto, il Cancro ci spinge a creare ciò che sentiamo fortemente dentro di noi, a rimboccarci le maniche per creare ciò che sentiamo essere la nostra missione, il nostro progetto d’anima; mentre il Capricorno ci aiuta a portare avanti in nostro progetto e a realizzarlo, costi quel che costi.

Per quanto riguarda le eclissi, mentre quelle di Sole aprono un ciclo e portano qualcosa di nuovo, quelle di Luna chiudono un ciclo; ed entrambe avvengono sempre in prossimità dei Nodi Lunari (il Nodo Sud ci indica da dove veniamo, ciò che conosciamo e ciò che possiamo lasciar andare perché non ci serve più, mentre il Nodo Nord ci mostra la nostra evoluzione, la direzione della nostra anima e le lezioni che dobbiamo apprendere per evolvere).
Quindi possiamo dire che le eclissi ci mettono alla prova: ci mostrano qual è la direzione da prendere, costringendoci a verificare se siamo sul cammino scelto dalla nostra anima; se siamo allineati alla nostra missione, tutto sarà più semplice, l’impatto sarà lieve, ma se ci siamo allontanati troppo dal nostro progetto d’anima, probabilmente vivremo qualche scossone che ci farà cambiare direzione, dandoci così la possibilità di prestare finalmente attenzione ai nostri desideri più profondi e veritieri.

Inoltre, ricordiamoci che Plutone è in Capricorno: Plutone è il re della trasformazione, il quale ci chiede di capire una volta per tutte cosa possiamo fare e cosa vogliamo essere, di riconoscere e usare il nostro talento, di dimostrare il nostro valore per trasformare finalmente il diamante che siamo dallo stato grezzo alla gemma più spettacolare.
Ovviamente, tra ciò che siamo e ciò che saremo, è possibile vivere un momento di confusione e smarrimento: non sappiamo più chi siamo, non è ancora del tutto chiaro cosa vogliamo fare e dove vogliamo andare; ci chiediamo quale sia la nostra casa, cosa ci dia sicurezza. Ma Plutone ci invita a non aver paura di lasciarci alle spalle ciò che già non ci rappresenta, ci chiede di fare un passo avanti, lasciando morire il vecchio per trasformarci nella meraviglia che siamo.

Felice luna piena ricca, di trasformazioni e nuove consapevolezze! Francesca Zangrandi

PS. Stasera alle ore 19.30 celebreremo con una cerimonia online! Ti va di aggiungerti al gruppo? L’incontro sarà gratuito!

25 Apr

Crisi e congiunzioni planetarie

Nella newsletter della settimana scorsa ho parlato di crisi visto che eravamo prossimi alla Pasqua, un momento in cui a livello trascendentale abbandoniamo le parti di noi che non ci corrispondono più per poterci manifestare nella nostra essenza più pura.

Però mi sono resa conto che effettivamente per molte persone questo è proprio un momento di crisi, lo vedo quotidianamente nel mio lavoro: chi è in crisi con sé stesso, non sa cosa fare della sua vita; chi è in crisi con il proprio compagno o compagna, chiedendosi se sia il caso di continuare o no la relazione; chi è in crisi lavorativa e si chiede se ciò che sta facendo sia o no ciò che desidera continuare a fare; ma potrei continuare con moltissimi altri esempi, perché ognuno ha la sua storia.

Partiamo dall’etimologia della parola “crisi” (credo che ormai l’abbiate capito che a me piace tanto!): deriva dal greco “krisis” che significa “scelta, decisione” e dal verbo “krino” che significa “separare, distinguere, cernere”, ricordandoci quindi che è il momento di fare delle scelte e decidere se passare da un vecchio schema ad uno nuovo.

E se prendiamo l’ideogramma cinese di “crisi”, vediamo che è composto da due sillabe, scritte ognuna con un carattere diverso: wēi (危), che significa “pericolo”, e (機/机), che significa “momento cruciale”, rimarcando anche qui che si tratta di un momento difficile che richiede una scelta risolutiva.

Quindi ciò che chiamiamo crisi è un momento cruciale della nostra vita in cui tutte le nostre certezze crollano facendoci vacillare, dandoci l’impressione che manchi il terreno sotto i nostri piedi e generando in noi uno stato di ansia apparentemente incomprensibile.

E in questo mese di aprile 2019 tutti gli astri ci hanno spinto e ci stanno spingendo a fare pulizia, a distruggere il vecchio e rinascere: oltre ai tre pianeti retrogradi (Giove, Saturno e Plutone), Plutone è congiunto al Nodo Sud in Capricorno (cosa non così frequente visto che capita ogni 17 anni) e la prossima settimana anche Saturno sarà congiunto al Nodo Sud in Capricorno (cosa ancora più rara che i due pianeti siano congiunti al Nodo Sud nello stesso periodo, il che rende questo momento abbastanza cruciale).

Plutone è il pianeta più lento e impiega ben 248 anni a compiere la sua rivoluzione, cioè il suo giro intorno allo zodiaco; è entrato nel segno del Capricorno nel 2008 (dove vi resterà fino al 2024) aprendo una porta che ci ha permesso di entrare in un luogo di grandi pulizie, soprattutto a livello di anima.

Plutone ha un’altissima vibrazione energetica, capace di distruggere tutto, creando le condizioni ideali per ripartire letteralmente da zero, attraverso una metamorfosi e una rigenerazione radicale. Il segno del Capricorno è governato da Saturno, pianeta del Karma, quindi Plutone, quando è entrato nel segno, ha iniziato una fase di pulizia karmica: di certo non un lavoro facile, visto che ci fa entrare nelle nostre ferite per sanarle direttamente alla radice; ma questo lavoro è stato ed è assolutamente necessario per innalzare le nostre frequenze e prepararci al salto dimensionale.

Sì, ci troviamo a vivere un periodo di grandi trasformazioni, spesso sofferte, ma credo che sia importante ricordare che, anche se ci destabilizza, la crisi ci porta in realtà anche ad una fase evolutiva: proprio perché ci porta ad un equilibrio instabile, siamo più propensi a trovare un nuovo modo per rapportarci con noi stessi e con gli altri, fino a raggiungere un nuovo equilibrio.

Infatti, la crisi passa per cinque tappe (ne parlerò più dettagliatamente nella newsletter di domani, quindi se non l’hai ancora fatto ma vuoi iscriverti, puoi cliccare qui), l’ultima delle quali è proprio il ristabilimento di un nuovo ordine, che si trova sempre ad un livello superiore di coscienza rispetto a quello iniziale.

Inoltre, dobbiamo tener presente che sia il Nodo Sud, sia Saturno che il segno del Capricorno, sono tutti associati al passato, alla famiglia e agli antenati, quindi potremmo trovarci a lavorare su questioni legate al lignaggio familiare o su aspetti personali che abbiamo ereditato, o ancora su abitudini profondamente radicate nella nostra anima e nella memoria karmica.

Infine, Saturno è considerato anche il pianeta delle responsabilità, quindi questo potrebbe essere proprio il momento perfetto per assumerci la responsabilità della nostra vita affinché possa prendere la direzione che sentiamo essere la migliore per noi.

Buone scelte,

Francesca Zangrandi

6 Gen

Luna nuova in Capricorno ed eclissi solare parziale

Oggi è luna nuova in Capricorno, accompagnata da un’eclissi solare parziale: è la prima luna nuova dell’anno e la prima eclissi (quest’anno ce ne saranno cinque, di cui ben tre sotto il segno del Capricorno).

Sia il Sole che la Luna sono in Capricorno, segno di terra caratterizzato da grande tenacia, determinazione e disciplina interiore che lo portano a lavorare con massima efficienza per raggiungere l’obiettivo prefissato. La Luna rappresenta l’archetipo della Madre, colei che accoglie e nutre la sua comunità, mentre il Sole rappresenta l’archetipo del Padre che protegge la sua comunità dandogli una direzione da seguire e una meta da raggiungere.
Inoltre anche Saturno, governatore del Capricorno, si trova nel segno (e vi rimarrà fino al 2020), quindi le energie del momento ci spingono a maturare smettendo di comportarci come bambini e riconoscendo finalmente la madre e il padre interiori che ci sostengono e proteggono. È ora di manifestare ciò che siamo, utilizzare i nostri talenti e realizzarci.

Le eclissi portano sempre grandi cambiamenti, facendoci chiudere con tutto ciò che non ha la vibrazione del nostro proposito più grande e cercando di riconnetterci con il nostro Maestro interiore. Quindi nelle prossime due settimane, tra questa eclissi e la prossima (che sarà il prossimo 21 gennaio, in concomitanza con la luna piena), è importante portare l’attenzione su ciò che vogliamo realizzare in questo 2019 nelle nostre vite.
Buona luna nuova, Francesca Zangrandi

4 Gen

I dodici giorni di Natale: giorno 10

Oggi, 4 gennaio, la dedicazione viene fatta al Capricorno, segno di Terra che inaugura la stagione invernale, il momento più difficile dell’anno: in natura, gli animali che non sono emigrati (Sagittario), o sono in letargo o devono mostrarsi più forti e coriacei della rigidità, del freddo e della mancanza di cibo.
Il Capricorno rappresenta la manifestazione del divino in tutta l’umanità, il momento in cui Cristo si potrà osservare in tutta la razza umana. Grazie a questo segno possiamo immaginare concretamente un mondo nuovo in cui noi stessi diventiamo esseri di luce potenti.

Il discepolo relazionato con il Capricorno è Simone, fratello di Giacomo e Giuda. Sebbene Simone fosse molto vicino al suo Signore a causa di
vincoli familiari, fu molto riluttante ad accettare la divinità del Maestro; ma quando egli fu definitivamente risvegliato dal Cristo, la sua
dedicazione divenne completa. Il suo unico desiderio fu di servire il Signore, e né la vita, né la morte, ebbero per lui altro significato diverso da questo ideale.
Nel corpo il centro relazionato con il Capricorno sono le ginocchia: nell’uomo Cristico questi punti diventano gloriosi vortici turbinanti di luce, quindi possiamo immaginare le ginocchia come vortici che ci consentono di percorrere la via che il nostro cuore desidera.

Il pensiero biblico su cui possiamo meditare oggi è: “Lasciate che il Cristo sia formato in voi” (Galati 4,19)
Quindi siamo invitati ad accogliere la via Cristica nel nostro cuore e a rendere il Cristo Femminile parte della nostra vita. (Il Cristo Femminile è uno stato di potente amore divino e unione che ci porterà alla rinascita di una nuova coscienza umana e planetaria.)
Ahava, Francesca Zangrandi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. - Utilizamos cookies propias y de terceros para mejorar nuestros servicios y experiencia de usuario. Si continúas navegando estás aceptando su uso. Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi