Lammas e luna nuova in Leone

Condividi sui tuoi social

Domani non solo sarà luna nuova in Leone, ma si festeggerà anche Lammas, una delle otto celebrazioni solari (Sabba) che rappresentano l’energia mutevole della natura.
È la festa della Grande Madre, nella quale si celebra l’abbondanza: la Madre Terra, infatti, appare nella sua pienezza, dando alla luce i suoi frutti che arrivano a maturazione e noi possiamo beneficiare di tutta la sua abbondanza godendo del raccolto.

Il nome viene dal sassone hlaf-mass, la festa del pane, ed è la celebrazione dei prodotti del grano; per i Celti è Lughnasadh, festa della fecondità che celebra il taglio del grano e la morte e resurrezione del Dio Lugh, il Re del Grano. Quindi celebriamo la Dea della Natura, la Madre Terra, Donatrice di Vita: è il momento di onorarla e ringraziandola per tutto ciò che ci dona.
Numerose sono le Dee del Grano, le quali distribuiscono il nutrimento ai loro figli direttamente dal loro corpo: la romana Cerere, la greca Demetra, la frigia Cibele, la messicana Coatlicue, la egizia Iside…

Il mito del grano e della spiga fin dall’antichità è stato celebrato con una sorta di rituale dell’ultimo covone del raccolto, dal quale si ricavavano i chicchi per la futura semina o la cenere che serviva per rigenerare la terra, ricordandoci così il ciclo vita-morte-rinascita.
E in effetti per gli Indiani d’America la Madre Clan di questo ciclo lunare che inizia è Colei che Guarisce, la quale ci insegna a comprendere e onorare i cicli della nascita, della morte e della rinascita, conferendoci la capacità di lasciare andare la paura della morte e di accettare il cambiamento come una nuova avventura. Che la morte sia la fine di una relazione, la fine di un lavoro o la fine della vita fisica, Colei che Guarisce ci mostra come vedere oltre l’illusione della limitatezza e celebrare ogni svolta della strada come un ulteriore passo che ci conduce alla pienezza.

Sole e Luna si trovano nel segno del Leone, il Re forte e coraggioso che esprime sé stesso e la propria unicità. Inoltre, rappresenta la nostra evoluzione consapevole riguardo al nostro rapporto con il nostro ego, e ci insegna che quando allineiamo il nostro ego al cuore, consegnandolo all’anima, possiamo solo essere nell’abbondanza e nell’amore.
Il Leone è un segno di Fuoco, e il fuoco è anche l’elemento associato al terzo chakra: il fuoco accende la luce della coscienza e trasforma, quindi usiamolo per bruciare tutto ciò che ci impedisce di esprimerci in verità e permettiamoci finalmente di abbracciare il nostro potere interiore e manifestare ciò che siamo.

Il Leone è il primo segno a rendersi vero co-creatore della propria esistenza, quindi ci chiede di cambiare la relazione con il nostro bambino interiore e il nostro potere creativo: è ora di spolverare i nostri talenti, riconnetterci alla nostra anima e permetterle di esprimersi in tutta la sua bellezza e magnificenza.
Inoltre, il Leone ci insegna che tutto è possibile, quindi ci invita a non dubitare mai di noi e del nostro sentire, spronandoci ad ascoltare il nostro cuore e ad andare con fiducia verso i nostri sogni e desideri.

Felice Lammas e che la ricerca del nostro sole interiore possa realizzarsi ed esprimersi pienamente!
Francesca Zangrandi

Isciviti alla newsletter

Ricevi aggiornamenti

Altri post

notizie

Luna piena in Gemelli 2022

Domani mattina, circa due ore e mezza prima del sorgere del Sole, si perfezionerà l’ultimo plenilunio dell’anno, nel segno dei Gemelli.I Gemelli sono il primo